Chiesa di "Santo Stefano"

Chiesa di "Santo Stefano"

Chiesa di

Descrizione

Nel concentrico, ma sulla provinciale Asti - Govone, sorge il Cimitero Comunale al cui interno è situata la Chiesa di Santo Stefano, antica Parrocchiale e sulla quale pare necessario soffermarsi. La Chiesa, nonostante i diversi lavori di restauro nel corso dei secoli, mostra ancora la sua origine romanica (800 - 1100). La sua facciata è austera, ma al tempo stesso ariosa con l'ampio arco a pieno centro, la cornice di gronda, motivo presente in molte strutture coeve dell'astigiano e la presenza di pietre angolari, elementi tipici dello stile romanico, ancora visibile negli spigoli esterni del coro. La sua più antica attestazione è del 10 marzo 1181, nell'atto di permuta in cui il vescovo la poneva alle dipendenze dei canonici del Duomo che vi facevano compiere le funzioni parrocchiali da un cappellano coadiutore. A questa Chiesa si fa menzione nel 'Codice Malabaila' dove, al 29 luglio 1221, è nominato quale testimone in una procura un certo Anselmo, sacerdote della chiesa stessa. Altri documenti di notevole importanza storica che la riguardano sono due atti pubblici, del 1304 e del 1305, redatti il primo nella chiesa stessa ed il secondo nella casa del canonico Nicolino di Chiasso in Asti, entrambi su pergamena in gotico corsivo a firma del notaio Astexanus Gambinus, tratti dall'Archivio Capitolare della Diocesi di Asti.

E' inoltre classificata nel registro delle Chiese del Capitolo del Duomo – organo della Diocesi Astigiana – redatto il 9 giugno 1345 per ordine del vescovo Arnaldo di Roseto.
Il suo declino, come centro religioso della comunità di Antignano, ha inizio nel 1585 anno in cui il visitatore apostolico Angelo Peruzzi, Vescovo di Sarsina, nel corso della sua ispezione, la interdisse perché in cattive condizioni e pericolante e ordinò che le sue funzioni, durante i lavori di restauro, venissero effettuate nella Chiesa della SS. Annunziata, piccola cappella situata all’interno delle mura del castello.
Presto la popolazione si abituò a tale nuova situazione tanto che i lavori ordinati in suo favore dovettero attendere fino al 1657, anno in cui il Vescovo Paolo Vincenzo Roero, nella sua visita pastorale, ancora una volta ne dovette obbligare la riparazione a spese del Comune minacciando che, qualora i lavori non fossero iniziati entro tre mesi dalla sua visita, le altre chiese del paese sarebbero state interdette.
Il primo intervento di restauro documentato risale quindi a quegli anni e, nel 1660, risulta che la chiesa fosse adibita a riparo per i defunti. Un ulteriore restauro terminò nel 1676 e, a testimonianza di quell’intervento, ne si ritrova la data incisa su un mattone che è tuttora in bella vista sulla parete sinistra dell’interno della chiesa.
La sua importanza quale centro religioso primario era già passata alla chiesa del concentrico e, nonostante i successivi abbellimenti e piccoli interventi di restauro – tra cui quello del 1744 e quello del 1884 causato da un incendio che ne danneggiò la volta e ne distrusse il tetto - la chiesa da allora in poi, servì quasi esclusivamente alle funzioni esequiali. In seguito all’intervento di restauro del 1973, la chiesa viene utilizzata quale ultimo luogo di preghiera e saluto per i cari estinti nelle cerimonie funebri. L’Amministrazione Comunale, riconoscendone l’importanza storica per la piccola comunità antignanese, ha rilevato come priorità nei suoi programmi, interventi di manutenzione alla stessa intendendo con ciò preservare la tradizione storico-culturale del paese; con parere favorevole della Sopraintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici di Torino e con fondi in parte propri, in parte grazie a contributo regionale ai sensi della L.R. 15/89 e in parte con il contributo della Cassa di Risparmio di Asti si è aperto bando sull’opera pubblica che la riguarda, programmando di eseguire almeno parte dei lavori, prima dell’inverno 2001-2002

Come arrivare

SP8, 32

MAPPA

Ultimo aggiornamento: 19-01-2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri